dcsimg

Duseniella

provided by wikipedia EN

Duseniella is a genus of Argentine flowering plants in the family Asteraceae.[2][3]

There is only one known species, Duseniella patagonica, endemic to the Patagonia region of southern Argentina.[4][5]

References

  1. ^ The Plant List, Duseniella patagonica (O.Hoffm.) K.Schum.
  2. ^ Schumann, Karl Moritz. 1902. Just's botanischer Jahresbericht. Systematisch geordnetes Repertorium der botanischen Literatur aller Lander 28(1): 475
  3. ^ Tropicos, Duseniella K. Schum.
  4. ^ Flann, C (ed) 2009+ Global Compositae Checklist
  5. ^ Zuloaga, F. O., O. Morrone, M. J. Belgrano, C. Marticorena & E. Marchesi. (eds.) 2008. Catálogo de las plantas vasculares del Cono Sur. Monographs in systematic botany from the Missouri Botanical Garden 107(1–3): i–xcvi, 1–3348.
 title=
license
cc-by-sa-3.0
copyright
Wikipedia authors and editors
original
visit source
partner site
wikipedia EN

Duseniella: Brief Summary

provided by wikipedia EN

Duseniella is a genus of Argentine flowering plants in the family Asteraceae.

There is only one known species, Duseniella patagonica, endemic to the Patagonia region of southern Argentina.

license
cc-by-sa-3.0
copyright
Wikipedia authors and editors
original
visit source
partner site
wikipedia EN

Duseniella patagonica ( Spanish; Castilian )

provided by wikipedia ES

Duseniella es un género monotípico de plantas con flores en la familia de las asteráceas.[1][2]​ Su única especie: Duseniella patagonica, es originaria de Sudamérica.

Taxonomía

Duseniella patagonica fue descrita por (O.Hoffm.) K.Schum. y publicado en Just's botanischer Jahresbericht. 28(1): 475. 1902.[3]

Sinonimia
  • Dusenia patagonica O.Hoffm.
  • Duseniella bicolor Suess.

Referencias

  1. Duseniella patagonica en PlantList.
  2. Duseniella patagonica en Global Compositae.
  3. «Duseniella patagonica». Tropicos.org. Jardín Botánico de Misuri. Consultado el 12 de julio de 2012.

 title=
license
cc-by-sa-3.0
copyright
Autores y editores de Wikipedia
original
visit source
partner site
wikipedia ES

Duseniella patagonica: Brief Summary ( Spanish; Castilian )

provided by wikipedia ES

Duseniella es un género monotípico de plantas con flores en la familia de las asteráceas.​​ Su única especie: Duseniella patagonica, es originaria de Sudamérica.

license
cc-by-sa-3.0
copyright
Autores y editores de Wikipedia
original
visit source
partner site
wikipedia ES

Duseniella patagonica ( Italian )

provided by wikipedia IT

Duseniella patagonica K. Schum., 1902 è una pianta angiosperma eudicotiledone della famiglia delle Asteraceae, endemica della Patagonia. È l'unica specie del genere Duseniella K. Schum., 1902.[1][2][3]

Descrizione

La specie di questa voce è una pianta annuale con portamento erbaceo, non spinosa e alta al massimo 10 cm.[4][5][6][7][8]

In genere sono presenti sia foglie basali che cauline sia sessili che picciolate. Le foglie lungo il caule sono a disposizione alterna. Quelle basali spesso possono formano delle rosette e sono opposte. La forma delle lamine è varia: intera da lineare a lanceolata con apice mucronato e con tre nervature. Le stipole sono assenti.

Le infiorescenze sono composte da capolini discoidi, sessili e solitari. I capolini, eterogami, sono formati da un involucro a forma campanulata composto da brattee (o squame) all'interno delle quali un ricettacolo fa da base ai fiori (da 30 a 35) di tipo ligulato. Le brattee disposte in più serie (4) in modo embricato sono di vario tipo sia spinose che prive di spine, a consistenza fogliacea oppure membranosa con bordi variamente dentati, fimbriati o lacerati. Il ricettacolo, a forma convessa è nudo (senza pagliette).

I fiori, isomorfi, sono tetra-ciclici (ossia sono presenti 4 verticilli: calicecorollaandroceogineceo) e pentameri (ogni verticillo ha 5 elementi). I fiori sono ermafroditi, actinomorfi (raramente possono essere zigomorfi) e fertili. In genere i fiori centrali sono bisessuali; quelli periferici sono femminili.

*/x K ∞ {displaystyle infty } infty , [C (5), A (5)], G 2 (infero), achenio[9]
  • Calice: i sepali del calice sono ridotti ad una coroncina di squame.
  • Corolla: la corolla ha un breve tubo con lobi lunghi e nastriformi. Il colore è giallo.
  • Androceo: gli stami, inseriti vicino alla base della corolla, sono 5 (da 3 a 5 nei fiori centrali) con filamenti liberi, glabri o papillosi e distinti, mentre le antere sono saldate in un manicotto (o tubo) circondante lo stilo. Le antere in genere hanno una forma lungamente sagittata con base caudata e appendice intera. Il polline normalmente è tricolporato a forma sferica o schiacciata ai poli e senza depressioni.
  • Gineceo: lo stilo è filiforme bifido papilloso sotto la biforcazione; gli stigmi sono divergenti. L'ovario è infero uniloculare formato da 2 carpelli. L'ovulo è unico e anatropo.

I frutti sono degli acheni con pappo. La forma dell'achenio in genere è cilindrica; la superficie è densamente villosa. Il pericarpo può essere di tipo parenchimatico, altrimenti è indurito (lignificato) radialmente; la superficie è irsuta o glabra. I pappi, formati da una serie di scaglie cigliate decidue o persistenti, sono direttamente inseriti nel pericarpo o connati in un anello parenchimatico posto sulla parte apicale dell'achenio.

Biologia

  • Impollinazione: l'impollinazione avviene tramite insetti (impollinazione entomogama tramite farfalle diurne e notturne).
  • Riproduzione: la fecondazione avviene fondamentalmente tramite l'impollinazione dei fiori (vedi sopra).
  • Dispersione: i semi (gli acheni) cadendo a terra sono successivamente dispersi soprattutto da insetti tipo formiche (disseminazione mirmecoria). In questo tipo di piante avviene anche un altro tipo di dispersione: zoocoria. Infatti gli uncini delle brattee dell'involucro si agganciano ai peli degli animali di passaggio disperdendo così anche su lunghe distanze i semi della pianta.

Distribuzione e habitat

La distribuzione delle specie di questo gruppo è esclusivamente sudamericano: endemico della Patagonia (Argentina).

Sistematica

La famiglia di appartenenza di questa voce (Asteraceae o Compositae, nomen conservandum) probabilmente originaria del Sud America, è la più numerosa del mondo vegetale, comprende oltre 23.000 specie distribuite su 1.535 generi[10], oppure 22.750 specie e 1.530 generi secondo altre fonti[11] (una delle checklist più aggiornata elenca fino a 1.679 generi)[12]. La famiglia attualmente (2021) è divisa in 16 sottofamiglie. La sottofamiglia Barnadesioideae, con la sua sola tribù Barnadesieae, è una di queste.[1][8][13]

Filogenesi

La sottofamiglia Barnadesioideae solo recentemente, in base a studi filogenetici di tipo molecolare (tutte le Asteraceae - eccetto le Barnadesioideae - hanno una particolare inversione in una data porzione del DNA), è stata elevata di rango tassonomico (prima era posizionata a livello subtribale all'interno della tribù Mutisieae). Nell'ambito della famiglia il gruppo Barnadesioideae, da un punto di vista filogenetico, è in posizione "basale", ossia forma un "gruppo fratello" con il resto della famiglia. Le sue specie sono caratterizzata morfologicamente dalla presenza di spine ascellari ai nodi.[7] L'unica specie di questo genere è nidificata all'interno del genere Chuquiraga.[14]

Note

  1. ^ a b (EN) The Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the ordines and families of flowering plants: APG IV, in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 181, n. 1, 2016, pp. 1-20.
  2. ^ World Checklist - Royal Botanic Gardens KEW, su powo.science.kew.org. URL consultato il 26 gennaio 2021.
  3. ^ World Checklist - Royal Botanic Gardens KEW, su powo.science.kew.org. URL consultato il 26 gennaio 2021.
  4. ^ Pignatti 1982, vol.3 pag.1.
  5. ^ Strasburger 2007, pag. 860.
  6. ^ Judd 2007, pag.517.
  7. ^ a b Kadereit & Jeffrey 2007, pag. 88.
  8. ^ a b Funk & Susanna 2009, pag. 171.
  9. ^ Judd-Campbell-Kellogg-Stevens-Donoghue, Botanica Sistematica - Un approccio filogenetico, Padova, Piccin Nuova Libraria, 2007, p. 520, ISBN 978-88-299-1824-9.
  10. ^ Judd 2007, pag. 520.
  11. ^ Strasburger 2007, pag. 858.
  12. ^ World Checklist - Royal Botanic Gardens KEW, su powo.science.kew.org. URL consultato il 18 marzo 2021.
  13. ^ Kadereit & Jeffrey 2007, pag. 77.
  14. ^ Lima et al. 2019.

Bibliografia

 title=
license
cc-by-sa-3.0
copyright
Autori e redattori di Wikipedia
original
visit source
partner site
wikipedia IT

Duseniella patagonica: Brief Summary ( Italian )

provided by wikipedia IT

Duseniella patagonica K. Schum., 1902 è una pianta angiosperma eudicotiledone della famiglia delle Asteraceae, endemica della Patagonia. È l'unica specie del genere Duseniella K. Schum., 1902.

license
cc-by-sa-3.0
copyright
Autori e redattori di Wikipedia
original
visit source
partner site
wikipedia IT

Duseniella ( Portuguese )

provided by wikipedia PT

Duseniella é um género botânico pertencente à família Asteraceae.[1]

Referências

  1. «Duseniella K. Schum». Tropicos. Consultado em 23 de julho de 2019
 title=
license
cc-by-sa-3.0
copyright
Autores e editores de Wikipedia
original
visit source
partner site
wikipedia PT

Duseniella: Brief Summary ( Portuguese )

provided by wikipedia PT

Duseniella é um género botânico pertencente à família Asteraceae.

license
cc-by-sa-3.0
copyright
Autores e editores de Wikipedia
original
visit source
partner site
wikipedia PT

Duseniella ( Vietnamese )

provided by wikipedia VI

Duseniella là một chi thực vật có hoa trong họ Cúc (Asteraceae).[1]

Loài

Chi Duseniella gồm các loài:

Chú thích

  1. ^ The Plant List (2010). Duseniella. Truy cập ngày 25 tháng 9 năm 2013.

Liên kết ngoài


Hình tượng sơ khai Bài viết liên quan đến Họ Cúc (Asteraceae) này vẫn còn sơ khai. Bạn có thể giúp Wikipedia bằng cách mở rộng nội dung để bài được hoàn chỉnh hơn.
license
cc-by-sa-3.0
copyright
Wikipedia tác giả và biên tập viên
original
visit source
partner site
wikipedia VI

Duseniella: Brief Summary ( Vietnamese )

provided by wikipedia VI

Duseniella là một chi thực vật có hoa trong họ Cúc (Asteraceae).

license
cc-by-sa-3.0
copyright
Wikipedia tác giả và biên tập viên
original
visit source
partner site
wikipedia VI